Il potere dei senza potere
Il potere dei senza potere

Sembra evocare il libro di Vaclav Havel (“Il potere dei senza potere”) quanto abbiamo vissuto nel maggio 1978 davanti al Senato, lo scorso 20 giugno in piazza S. Giovanni e quanto rivivremo il 30 gennaio prossimo al Circo Massimo.

Allora (maggio ’78) perché non si approvasse il ddl sull’aborto; oggi perché non abbia il placet di Palazzo Madama l’equiparazione delle c.d. unioni civili al matrimonio, con i noti devastanti effetti sui figli. Allora, un minuscolo drappello; oggi, grazie a Dio, al Comitato “Difendiamo i nostri figli” e a quanti lo supportano, moltissimi, come l’incontro dello scorso 20 giugno ha testimoniato. Allora, per difendere il diritto alla vita dei più piccoli e indifesi; oggi, per tutelare il diritto dei figli ad avere un padre e una madre. Allora, a far fronte alle enormi bugie delle cifre alterate (milioni di aborti clandestini, centinaia di migliaia di donne morte in seguito ad essi), poi smascherate dall’unico studio scientifico, quello del prof. Colombo, ordinario all’Università di Padova; oggi, tesi a sbugiardare, per esempio, il numero delle coppie omosessuali con figli, che non sono “centomila”, come molti vogliono farci credere (anche quotidiani di larga tiratura), ma 529 unità (v.ultimo censimento ISTAT). Cifre gonfiate ad arte per montare, oggi come allora, una campagna umanitario-emotiva capace di impietosire la pubblica opinione e propinarle come atto di “giustizia” l’equiparazione delle unioni civili al matrimonio.

Oggi come allora, quindi, una generale mobilitazione delle coscienze per difendere i senza potere, quelli che non hanno voce, i piccoli, gli indifesi. E ciò, paradossalmente, nel pieno di proclamazioni, anche internazionali, anteponenti a tutto, giustamente, il supremo interesse del minore. Salvo poi disattenderlo sovente nei fatti e nelle leggi. E, quel che più conta, volutamente dimentichi come la primissima relazione che tutti, come figli, abbiamo intrattenuto, è stata quella con la madre nel suo ventre, in un dialogo materno-fetale incrociato, biologico ed empatico al contempo. E come l’ambiente più vantaggioso per il bimbo, la sua crescita umana e la sua identità, sia quello rappresentato da un papà maschio e da una mamma femmina. Cosa documentata ampiamente dalla ricerca scientifica e corroborata dall’esperienza.

Come si può ammettere allora l’utero in affitto, atteso che quell’utero che ha portato il bimbo E’ LA SUA MAMMA, e che in tal modo il bimbo sarà orfano di madre, causando un “buco” biologico insanabile, che nessuna coppia omogenitoriale potrà mai colmare? Ecco perché qualcuno autorevolmente (Possenti) ha definito la pratica dell’utero in affitto “crimine contro l’umanità”! E perchè si stravolge il nobile istituto dell’affido, per rendere socialmente accettabile una forzatura non solo del diritto, ma primariamente del supremo interesse del figlio? Perché incrementare, con l’intero impianto del ddl, la già preoccupante denatalità che affligge non da ieri l’Occidente, conferendo al nostro Paese un triste primato mondiale?

Per tutto questo quella del 30 gennaio prossimo sarà una bella piazza. Non solo perché nata dal basso, formata da gente comune, da tante famiglie, da tanti singoli,ecc. preoccupati per quanto sta accadendo a livello parlamentare. Non solo perché aperta a tutti, quindi laica, civile, democratica, rispettosa di tutte le opinioni. Ma perché sintomatica del “POTERE dei SENZA POTERE”: quello dei piccoli e delle famiglie, che non possono votare in Senato o alla Camera, che i potenti non intendono ascoltare,ma che da sempre garantiscono il futuro di ogni società, in quanto formidabile risorsa per la persona e per il bene comune, attraverso la generazione e l’educazione dei figli- e quindi il perpetuarsi delle generazioni- e il loro ruolo di ammortizzatore sociale, tantopiù nel contesto dell’attuale crisi.

E’ un potere valoriale e sociale incommensurabile, che ha il futuro in mano e che, nonostante la latitanza di politiche familiari, è destinato inesorabilmente a vincere.

                                                                                             PINO MORANDINI

Vicepresidente Vicario del Movimento per la Vita Italiano