Dove nasce l’impegno prolife.

By: giovane
Irene Pivetta e Marco Alimenti sono i Responsabili nazionali dei Giovani e coordinano le attività del Movimento per la vita rivolte ai ragazzi. Abbiamo intervistato Marco per sapere le ragioni che lo hanno spinto al volontariato prolife.

Il nostro responsabile ha 26 anni e muove i primi passi da volontario prolife proprio nel capoluogo toscano. Diventa un punto di riferimento per i giovani del territorio fin da subito e le potenzialità intraviste si rivelano ben presto. Di carattere determinato e forte nell’affermare ciò che crede, da buono studente di giurisprudenza sempre preciso ed efficace!

 

Marco, dove nasce il tuo impegno nel MPV?

Ho incontrato per la prima volta il gruppo giovani del MPV nel 2008 a Firenze durante il convegno: “Giovani insieme per ripartire dall’uomo”. In quell’occasione ho conosciuto Leo Pergamo, responsabile nazionale, Andrea Biotti, responsabile MpV Toscana Giovani, Daniela Binazzi Dupuis, vice presidente del MPV fiorentino e Marco Caponi presidente della federazione MpV e Cav della Toscana: tutte persone che sono state degli importanti punti di riferimento nel mio volontariato! Il mio impegno concreto con questo gruppo di ragazzi nasce dopo aver fatto nel 2011 il Quarenghi estivo, settimana in cui ho avuto modo di fare un “salto vitale” e di conoscere meglio il gruppo giovani del MpV toscano.

“Una delle cose che mi ha sempre colpito è che i volontari MpV sono sempre presone concrete e sorridenti allo stesso tempo”.

Quali sono le motivazioni che ti hanno spinto ad accettare l’incarico?  

Sicuramente la convinzione che su queste tematiche la posta in gioco sia molto alta. Poi ha giocato un ruolo importante l’amicizia che mi legava a persone che stimavo e che vedevano in me una continuazione del loro impegno nel MpV e forse un pizzico di mia incoscienza nel non sapere cosa avrei effettivamente dovuto fare.

Come è stato entrare in Equipe? 

Sono entrato nell’Equipe giovani nell’ottobre del 2011 come membro di Staff e nel gennaio 2012 sono stato nominato responsabile regionale. Ciò che mi ha sempre impressionato del gruppo sono i carismi totalmente diversi l’uno dall’altro e la capacità di aiutare concretamente persone in difficoltà, nonostante percorsi personali diversi e talvolta faticosi. Una delle cose che mi ha sempre colpito è che i volontari MpV sono sempre presone concrete e sorridenti allo stesso tempo.

“L’obiettivo che mi pongo come primario è formativo: una seria preparazione dei giovani gli consentirà di prestare la loro opera all’interno dei CAV nella maniera più adeguata”.

Quali sono gli obiettivi che vuoi raggiungere insieme all’equipe giovani? 

Desidero aiutare i responsabili regionali giovani a fare del loro meglio all’interno delle loro realtà territoriali. Mi piacerebbe assistere e supportare la nascita di tanti Movit, magari uno per regione. Qui in Toscana il Movit di Firenze Siena è stato, insieme al MpV fiorentino, promotore di importanti iniziative e dibattiti negli atenei. Credo che possa essere un modello “esportabile” in altre regioni e che possa  incentivare una sinergia fra giovani e meno giovani. L’obiettivo che mi pongo come primario è quello formativo: una seria preparazione dei giovani gli consentirà di prestare la loro opera all’interno dei CAV nella maniera più adeguata.

Cosa regala il volontariato per la vita ai ragazzi e alle ragazze?

Regala amicizie con coetanei che vivono in tutte le 20 regioni d’Italia. Si tratta di relazioni autentiche e profonde che non si alimentano dal vedersi quotidianamente ma di un legame molto più in profondità. Non secondariamente, altrettanto importante è il percorso di formazione che il MpV offre, che  accompagna tanti giovani nel loro personale percorso di crescita e gli dà la possibilità di far fruttare le proprie capacità e competenze. La crescita avviene in maniera reale, anche passando per il ricoprire ruoli di responsabilità: questo grazie alla scelta dell’Equipe di rinnovare gli incarichi frequentemente, concedendo un ruolo da protagonisti e uno spazio di azione a tutti i membri.

 

GS

Disclaimer

Copyright © 2011, prolife.it e giovaniprolife.org. Le citazioni devono riportare link attivo e autore se indicato o siglato. Le foto sono valutate di pubblico dominio e restano di proprietà degli autori se indicati.

Giovani Prolife

Back to Top