“In viaggio per la vita”
“In viaggio per la vita”

In occasione del 40ennale dall’approvazione della legge 194 (22 maggio 1978) che legalizzava l’aborto in Italia, il Movimento per la Vita ha promosso l’iniziativa: “In viaggio per la vita”. Per le strade delle città italiane passerà un Camper con l’immagine che ricorda alla mamma, nel momento del dubbio, la possibilità di contattare SOS Vita, mostrando la risposta della “cultura della vita” ad una legge, espressione della “cultura della morte” (Evangelium Vitae, n.26), che aggredisce i bambini non ancora nati. Il primo obiettivo dell’iniziativa è quello di far conoscere alla società l’attività degli oltre 300 Centri di Aiuto alla Vita presenti sul territorio nazionale, attività che hanno permesso di salvare quasi 200.000 bambini, accogliendo ed accompagnando le loro mamme nella difficile, e spesso molto sofferta, decisione. Il secondo obiettivo è quello di informare sull’intensa attività culturale che il Mpv italiano porta avanti da 43 anni. Il Camper è partito da Firenze il 22 maggio, visiterà le 19 federazioni regionali, che costituiscono il Mpv italiano, e concluderà la “propria corsa” nella città che ospiterà il 38° Convegno nazionale dei Cav.

Per festeggiare la presenza del Camper a Firenze il Cav, il Mpv di Firenze e il Movit di Firenze – Siena hanno offerto ai fiorentini una conferenza intitolata: “40+3 anni per la Vita”. Il titolo scelto voleva sottolineare che il Mpv è nato nel 1975, cioè tre anni prima dell’introduzione della legge n. 194. Il convegno si è svolto nei locali della basilica di San Lorenzo, sede del Cav “M.Cristina Ogier”. Il workshop è stato introdotto dai saluti del parroco Mons. Marco Viola e dal prof. Angelo Passaleva, presidente e fondatore del Cav più antico d’Italia, il quale ha sottolineato gli intenti dei fondatori di fare qualcosa di concreto in favore di quelle donne che avevano difficoltà a portare a termine la propria gravidanza. All’incontro hanno preso parte Marina Casini, neo presidente del Mpv italiano, Massimo Pandolfi, caporedattore de Il Resto del Carlino e Marco Guerra, giornalista di Vatican News. M. Casini ha ricordato il contesto storico in cui è stata approvata la legge 194, ne ha analizzato gli aspetti giuridici e ha ricordato il coraggio delle donne che nonostante gli ostacoli decidono di dare alla luce il proprio bambino. Il ruolo dei media nella diffusione di notizie eticamente sensibili è stato al centro dell’intervento di M.Pandolfi, il giornalista ha inoltre invitato il Mpv italiano a proseguire a trattare le tematiche di bioetica con metodo scientifico. Grazie alla sinergia fra le associazioni locali e la federazione dei Mpv e dei Cav della regione Toscana, il camper visiterà: Arezzo, Montevarchi, San Giustino Valdarno, Fiesole, Pontassieve, Grosseto, Siena, Prato, Empoli, Viareggio e Pisa. Il Camper rimarrà in Toscana fino al 1 giugno. Per ulteriori informazioni visitare il sito www.mpv.org

MA²