Invito al concorso

Invito al concorso

Cari studenti e cari professori,

è giunto alla XXXIV edizione il concorso europeo – Premio Internazionale Alessio Solinas – per studenti delle scuole superiori e delle università di tutta Italia. Si tratta di un’importante opportunità che il Movimento per la Vita italiano offre alle giovani generazioni per riflettere, con il supporto del presente dossier e con l’aiuto degli insegnanti, su questioni che possono aiutarci a comprendere meglio la direzione da prendere nella vita, ma anche nella dimensione pubblica e sociale, nazionale e internazionale; che hanno la capacità di mobilitare energie costruttive per il bene di tutti e di ciascuno; che hanno una grande forza trasformatrice e rigeneratrice. Inoltre, per moltissime ragazze e ragazzi, il concorso ha aperto un cammino di crescita ed è stata l’occasione per stringere amicizie.

L’iniziativa che anche quest’anno vi presentiamo è accompagnata da importanti patrocini, dal lavoro di numerosi volontari e soprattutto dalla ricca e gioiosa partecipazione di tante ragazze e di tanti ragazzi. Marco, uno studente che ha partecipato al concorso qualche anno fa, una volta ci ha scritto che grazie ad esso ha capito «che alla base della buona politica c’è prima di tutto un ideale grande, un’importante visione dell’uomo, la ricerca del bene comune e una logica di servizio; che è sempre indispensabile il rispetto di chi si ha davanti e la necessità di non pensare solo a noi stessi; che c’è l’idea di un’Europa da far crescere anche con il nostro supporto fattivo».

Il concorso è detto “europeo” perché è nato prendendo spunto dal progetto politico più rilevante del nostro tempo: l’Unione Europea. Come sappiamo, quando si parla di Unione Europea, vengono a galla i temi della competitività economica, della politica finanziaria, del mercato unico, dello sviluppo sostenibile, della sicurezza sociale, della mobilità; ma possiamo limitarci a guardare a questa enorme organizzazione articolata in varie istituzioni e che raccoglie 27 Paesi che coprono gran parte del continente soltanto in chiave economica? È questa l’anima dell’Europa? Certamente no, perché l’anima dell’Europa sono i valori propri dell’autentico umanesimo, quelli cioè che fondano e sviluppano il patrimonio culturale e spirituale del “vecchio continente”: la fratellanza, i diritti umani, la pace, la giustizia, e al centro vi è l’uguale e inerente dignità di ogni essere umano che, concretamente, si traduce nel riconoscimento del diritto alla vita di ogni essere umano dal concepimento, cioè dal momento in cui ciascuno di noi ha cominciato a esistere.

Il titolo di quest’anno è “Una società a misura di mamma: un sogno possibile?”. Un titolo pensato da giovani per giovani, partendo dalla convinzione che la nostra società non sia capace di riconoscere un adeguato spazio di ascolto, sostegno e soprattutto valorizzazione alle madri, figure sociali fondamentali per il ruolo educativo all’interno della famiglia e con un impatto positivo e costruttivo anche nel mondo del lavoro.

Il tema del concorso, diverso ogni anno, è accompagnato da un dossier finalizzato a fornire a docenti e studenti alcune piste di riflessione per avviare l’indagine, impostare e costruire l’elaborato. La riflessione sulla maternità è a 360 gradi e dunque inizia dalla specialissima, unica e straordinaria fase della gravidanza: il figlio che vive e cresce nel grembo della sua mamma!  Anche questa è una fase della maternità che merita attenzione, sostegno, tutela. La società ha il dovere di proteggere la maternità come un bene prezioso, eppure… quante contraddizioni! E quanti paradigmi che impongono una scissione tra donna e maternità, tra donna e vita nascente! Gli spunti di riflessione sono accompagnati da alcune testimonianze che possono aiutare gli studenti a confrontarsi con esperienze magari vicine al loro vissuto. È davvero necessario restituire alla donna l’armonia dei suoi ruoli per costruire il futuro sull’alleanza tra la donna e la maternità sin da quando il figlio comincia a vivere nel suo grembo. Una società che non è a misura di madre non è nemmeno a misura di donna: ecco perché è urgente una narrazione nuova e autentica di questo binomio.

Il dossier, scaricabile dal sito www.prolife.it nella sezione “concorso scolastico”, è ricco di novità utili sia per agevolare e impostare il lavoro dei docenti, sia per guidare le riflessioni dei ragazzi. Per saperne di più e per promuovere il concorso nelle scuole del proprio territorio, è possibile consultare l’elenco dei referenti regionali all’interno del dossier, oppure scrivere a info@concorsoeuropeo.org.

Buon lavoro!

Marina Casini Bandini

Presidente del Movimento per la Vita Italiano